Tibet e cinema

Ritorna dal 4 al 14 agosto 2021

The Films After Tomorrow: il primo progetto di Locarno 2020 premia il futuro

Annullato Locarno73, il Festival rilancia con Locarno 2020 – For the Future of Films, ma....

The Films After Tomorrow, nuovo progetto di Locarno 2020 – For the Future of Films un concorso destinato a 10 produzioni internazionali e 10 produzioni svizzere, la cui lavorazione ha subìto un’interruzione a causa dell’emergenza sanitaria.

 

I registi dei 20 film selezionati si presenteranno al pubblico dal 5 al 15 agosto, online, condividendo il proprio sguardo attraverso un viaggio all’interno della storia del Locarno Film Festival, presentando ciascuno un film che lo ha influenzato.

 

Due giurie internazionali, che saranno scelte dalla Direzione artistica, valuteranno i 20 film in gara assegnando sabato 15 agosto alcuni premi, tra cui due Pardo 2020 The Films After Tomorrow sarà un’iniziativa rivolta anche al pubblico, che avrà modo di partecipare al Locarno Film Festival in una forma nuova.

I 20 registi selezionati contribuiranno infatti a costruire un vero e proprio programma di visioni, incontri e masterclass, fruibile su diverse piattaforme. A ciascuno di loro spetterà in particolare il compito di scegliere un film della storia del Locarno Film Festival, per comporre un viaggio soggettivo nella storia della manifestazione che sarà visibile online.

 

Balloon di Pema Tesden presente alla 76a Mostra del Cinema di Venezia

Balloon (titolo originale Qiqiu sarà presentato a Venezia nella sezione Orizzonti.

Il film racconta la tendione fra credenze religiose, spiritualità e realtà quotidiananel Tibet di oggi.

7-17|8|2019 Locarno72 Un Festival che sempre si rinnova

L’edizione 71, l’ultima di Chatrian ci ha offerto una scelta molto ampia e intrigante di film, perciò non è stato sempre facile decidere cosa vedere. Come ogni anno ci siamo focalizzati sulle preziose pellicole di Open Doors, sezione dedicata alla scoperta e alla promozione di giovani artisti provenienti dal sud del mondo, come l’affascinante noir buddista  MUNMO TASHI KHYIDRON (Honeygiver Among the Dogs) primo lungometraggio della giovane regista Dechen Roder, ambientato in Buthan.  

 

 

Quest’anno Locarno Festival 2019 si aprirà con la nuova direttrice artistica, Lili Hinstin e il suo team. Hinstin desidera rafforzare il cinema notturno in Piazza grande con uno sguardo particolare verso i giovani, proponendo una nuova sezione di mezzanotte. Il programma completo sarà svelato dopo metà di luglio, durante la tradizionale conferenza stampa. Già si sa che Locarno72 si aprirà il 7 di agosto con MAGARI, opera prima di Ginevra Elkann. La regista sarà accompagnata dai protagonisti Alba Rohrwacher e Riccardo Scamarcio. Il film racconta la storia negli anni ‘90 di tre fratelli, figli di divorziati. La chiusura del festival spetterà al film giapponese di Kiyoshi Kurosawa, TABI NO OWARI SEKAI NO HAJIMARI (The end of the earth). Il Maestro del thriller del Sol levante racconterà tra sogno e burlesco il viaggio di Yoko, presentatrice tv che cerca di catturare con la sua troupe, lungo la Via della Seta, un pesce mitologico.

Tibet Attualità giugno-luglio 2019
Articolo sul 72. Locarno Festival
72 Locarno Festival TA Giugno-Luglio 201
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB

10 anni Tibet Film Festival TFF Zürich/Dharamsala

Dal 12 al 15 settembre  2019 a Zurigo e dal 12 al 13 ottobre 2019 a Dharamsala (India)

 

http://tibetfilmfestival.org/

 

 

 

 

 

 

Comunicato stampa TFF 2019
Press-Release-TFF-2019.pdf
Documento Adobe Acrobat 51.4 KB

Tibet Film Festival - Shortfilm Competition 2018

“Re-imagining the Roof of the World”

 

Be there and submit your short film by September 7,2018.

il Tibet Film Festival si è presentato a Locarno il 5 agosto 2017

 

In occasione del 70. Locarno Festival, il Tibet Film Festival di Zurigo e Dharamsala si è presentato. Desideroso di farsi conoscere dal pubblico locarnese ha proiettato il corto"Royal Café" della regista tibetana Tenzin Dazel (Parigi).

il Tibet Film Festival, il più antico festival del cinema Tibetano, è diventato un luogo di incontro tra creativi registi Tibetani e un gruppo appassionato di aspiranti registi, seguiti da un attento pubblico.

 

I Tibetani condividono con molte altre persone il destino dell'oppressione, della discriminazione,

della confusione culturale nel mondo moderno, così come quello di essersi sparpagliati in tutto il

mondo per fuggire da un paese che non era più il loro. II film tibetani sono dei riflessi artistici di

questa situazione. La missione del Tibet Film Festival è di sostenere questi registi offrendo loro una

 piattaforma e condividendo il loro talento in tutto il mondo.

 

Comunicato stampa, tema : SOGNO-DREAM
Press-Release-TFF-2017.pdf
Documento Adobe Acrobat 29.6 KB

Documentario Dalai Lama- Enlightened

Per gli amanti dell’Asia, anche quest’anno il 69° Festival del Film di Locarno proporrà nella sezione Open Doors, con il sostegno della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) del Dipartimento federale degli affari esteri, delle selezioni provenienti da Nepal, Buthan, Balglaseh e Myanmar, offrendo  spazio a registi emergenti.

Dalai Lama Awakening - documentario di Khashyar Darvich

DIFF 2015 Dharamshala International Film Festival  5 - 8.11.2015


Dharamshala International Film Festival

“Been to many festivals- but the spirit behind the organisation of DIFF is absolutely unique. I have never been to a festival that runs its engine on the passion of everyone that comes in contact with it. Over 60 volunteers made a festival in Dharamshala possible- a town without a single cinema screen. They have already done three years- and they are good for the next thirty I believe. Bravo!”
Rajat Kapoor, Director Ankhon Dekhi


The sun beaten path di Sonthar Gyal

ll cinema Tibetano si è finalmente presentato nel 2011 al Festival Internazionale del film di Locarno con una piccola perla, The sun beaten path, una sorta di road movie, in cui il giovane protagonista Nyima, che casualmente ha provocato la morte della madre, si ritrova a ripercorrere la strada di ritorno dal suo pellegrinaggio a Lhasa, come in una sorta di percorso liberatorio.   

Il film riesce con poesia e pochi mezzi a parlarci della complessa realtà dei giovani Tibetani  che  si  ritrovano  a   dover   coniugare  non senza difficoltà  le tradizioni   culturali del loro popolo e gli inevitabili cambiamenti che travolgono  la società .

Himalaya l'infanzia di un capo di Eric Valli

E’ un film del 1999 diretto da Éric Valli. Fu nominato all'Oscar al miglior film straniero.

Eric Valli ha vissuto a lungo tra i tibetani, coi quali ha maturato l'idea di scrivere un affresco della loro cultura, affinché non venga dimenticata. Dagli abitanti del olpā, tale film è considerato il loro namdar, che in tibetano significa "libro delle memorie".