RAPPORTO delle ATTIVITA’ 2009

 


Con il nostro piccolo gruppo di fedeli collaboratori abbiamo cercato di dare continuità alle attività ed agli impegni presi. Ringraziamo i nostri membri e gli amici per il loro sostegno attivo, finanziario o ideale. Speriamo di poter contare sulla loro collaborazione anche nel 2010 affinché sia possibile sviluppare ed incrementare l’ impegno nei vari progetti umanitari e sostenere i tibetani sia in patria che in esilio nel loro desiderio di poter un giorno ritrovare pace e felicità . 

Tashi deleg!


10 marzo 2009

In memoria dell’insurrezione popolare di Lhasa del 1959 ogni anno il 10 marzo si svolgono manifestazioni di commemorazione a Zurigo, Berna e Ginevra. Tutti gli anni viene promossa un’azione internazionale di esposizione della bandiera tibetana, in solidarietà con il popolo tibetano. In Ticino, la Fondazione Monte Verità ha proposto in occasione della commemorazione tibetana del 10 marzo 2010 la presentazione del documentario di Guido Ferrari, girato nel 2008 a Dharamsala “Tibet, cinquant’anni di speranza”. 


25-26 aprile 2009

L’associazione ha organizzato la prima visita di Amnyi Trulchung Rinpoche in Svizzera. Amnyi Trulchung Rinpoché, è nato nel Tibet orientale, nella provincia del Kham. E’ stato subito riconosciuto come la reincarnazione del IV. Amnyi Trulchung Rinpoche del monastero di Ju Mohor. A diciotto anni à stato nominato quinto Amnyi Trulchung Rinpoche e abate del monastero di Ju Mohor. La sua formazione si è svolta nel grande centro universitario di Larang Gar a Serthar. Dopo essersi laureato, Rinpoche é tornato al monastero di Ju Mohor per impartire gli insegnamenti ricevuti. Ha ricevuto trasmissioni orali e di potere da numerosi studiosi e maestri. Nel 2001 si è recato in India dove ha avuto la fortuna di incontrare e ricevere degli insegnamenti da S.S. il Dalai Lama. Dopo aver insegnato in Inghilterra, Olanda, Spagna, Nepal, Singapore e Australia, Rinpoché si è stabilito in Nuova Zelanda a Nelson dove con un gruppo di suoi studenti ha fondato il centro buddhista , dhö nyak ösel Ling, ovvero “La dimora di chiara luce del dharma”, nome assegnato da S.S. Il Dalai Lama stesso. 

Durante la sua visita abbiamo organizzato al Monte Verità di Ascona, una conferenza pubblica dal titolo “Vivere in pace, morire in pace” e proposto di approfondire il tema nel seminario sul “Bardo”diretto. Durante la sua breve visita in Svizzera, Rinpoche ha anche presentato il “Vista Project”, progetto di aiuto umanitario in favore del popolo tibetano Dzachuka , composto da nomadi nel Kham/Tibet.chino. 


27 aprile 2009

L’associazione è stata invitata dagli studenti del Liceo di Locarne alle giornate autogestite. Tashi Albertini e Francesca Machado hanno animato una mattinata dedicata a l popolo delle nevi con la visione di un documentario sulla situazione attuale in Tibet. È stata presentata la causa tibetana con particolare attenzione al tema della lotta pacifica per i diritti umani nel Tibet e nel Mondo. 


15-16 maggio 2009

L’associazione ha invitato in Ticino la signora Jetsun Pema La, sorella del Dalai Lama e presidente onorario dei Tibetan Children’s Villages. Durante la sua visita, Jetsun Pema, è stata ricevuta a Bellinzona da Patrizia Pesenti, Consigliera di Stato e ministra del DSS-Dipartimento Sanità e Socialità. 
Durante la mattinata la signora Jetsun Pema é stata invitata alla Scuola specializzata per le Professioni Sanitarie e Sociali (SSPSS) di Canobbio dove ha incontrato numerose classi di giovani ed ha assistito all’anteprima del documentario “Una scuola di speranza, il villaggio di giovani profughi tibetani di Suja/Bir” realizzato da Antonella Trabattoni durante lo stage di lavoro volontario presso il Tibetan Children’s Village di Suja. In questa occasione, la signora Jetsun Pema ha inaugurato la mostra itinerante “Dal Tibet alle Alpi, una comunicazione interculturale” realizzata da giovani tibetani ed allievi della SSPSS di Canobbio sul tema dell’amicizia. 

In collaborazione con la Fondazione Monte Verità è stata organizzata una serata di beneficenza per il Tibetan Children’s Village di Dharamsala, durante la quale la presidente onoraria dei TCV Signora Jetsun Pema ha parlato della sua vita e del suo impegno a favore del suo popolo, sottolineando l’importanza di poter fornire una buona educazione alle nuove generazioni di tibetani sia in patria che in esilio. 
La 7a assemblea annuale dei membri è stata organizzata al Centro seminariale del Monte Verità, Ascona. Il comitato, rieletto ed allargato, é costituito da Tashi Albertini, presidente, Francesca Machado-Zorrilla, vicepresidente e responsabile PR, Stefano Cassis, cassiere, Marie-Thérèse Gloor, segretariato, e Antonella Trabattoni; mentre Tanja Balbina e Claudio Bernasconi sono i revisori. 


26 giugno 2009

Lama Ngawang Kunga, direttore e fondatore della Great Compassion Boarding School GCBS Lo Manthang e Pokhara è giunto in visita in Svizzera. È stata colta l’occasione per organizzare un incontro personale con i nostri membri, padrini e sostenitori e ricevere un rapporto sugli sviluppi della scuola in Nepal. All’hotel De la Paix di Lugano è stato offerto un viaggio nel Mustang grazie al diaporama di Manuel Bauer, fotografo, di Winterthur.




6 luglio 2009

La comunità tibetana celebra il compleanno di S.S. XIV Dalai Lama: preghiere e cerimonie di lunga vita al monastero tibetano di Rikon. 


4– 5 agosto 2009

Alcuni membri del Comitato e amici del Tibet hanno partecipato all’insegnamento di SS Dalai Lama a Lausanne. Durante la sua visita in Svizzera è stato accolto da Tibetani , da numerosi amici del Tibet e del Dharma e anche dalla Presidente del Parlamento Federale, On. Chiara Simoneschi-Cortesi. 


Settembre 2009

La mostra “Dal Tibet alle Alpi, una comunicazione interculturale” realizzata grazie al sostegno dell’Istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale (IUFPP,Lugano) è stata esposta allo Csia (Centro industrie artistiche, Lugano). Il 22 ed il 23 settembre Antonella Trabattoni ha incontrato gruppi di giovani di questo istituto illustrando l’esperienza di lavoro volontario svolta nel TCV di Suja/Bir, l’attività di comunicazione interculturale creata fra allievi della SSPSS di Canobbio e giovani profughi tibetani alla quale si è aggiunta la visione del documentario “Una scuola di speranza,il villaggio di giovani profughi tibetani di Suja/Bir”. 


Ottobre 2009

La mostra “Dal Tibet alle Alpi, una comunicazione interculturale” è stata esposta alla scuola Professionale commerciale di Chiasso. Il 22 ottobre Antonella Trabattoni ha incontrato tre classi di questo istituto. 


31 ottobre/1 novembre 2009

Sempre al Monte Verità di Ascona si è svolto il 12° ciclo di conferenze e seminari proposti e diretti dal Dr. Martin Kalff. Nella conferenza pubblica di M. Kalff “Nonviolenza e violenza nel buddhismo” è stata esaminata l’etica nel contesto buddista, il suo sviluppo all’ interno della tradizione Mahayana, nella quale azioni di violenza possono essere giustificate in condizioni specifiche. 
Un gruppo di 20 persone ha partecipato al seminario di Dr. Martin Kalff sul tema “Praticare la forza della consapevolezza e del rispetto”. La pratica buddista della gioia parte dalla consapevolezza del proprio benessere e delle proprie capacità per poi trasmetterle gradualmente a tutti altri esseri senzienti. Le vie dell’ esperienza interiore, sviluppate attraverso la meditazione, sono sostenute da semplici e coscienziosi esercizi con forme di colori e argilla. 


1 novembre

Il Lion’s Club Mendrisiotto e Basso Ceresio ha richiesto ad Antonella Trabattoni la presentazione della realtà dei giovani profughi tibetani esuli in India ed ospitati nei Tibetan Children’s Villages. 


Novembre 2009

La mostra “Dal Tibet alle Alpi, una comunicazione interculturale” è stata esposta alla Scuola media di Breganzona. Il 24 ed il 26 novembre, otto classi hanno partecipato all’ incontro con la docente Antonella Trabattoni. 


Dicembre 2009

La mostra “Dal Tibet alle Alpi” è stata esposta al Liceo di Lugano 2. Il 22 dicembre Antonella Trabattoni ha incontrato 13 classi di studenti. 


PROGETTI SOSTENUTI 2009

Nell’arco degli anni abbiamo mantenuto il contatto con diverse associazioni che in Nepal ed in India assistono, aiutano e favoriscono l’inserimento nella nuova realtà i profughi tibetani in seguito alla fuga forzata dalla loro patria. Assistere i nuovi esuli, fornire assistenza medica e sociale, offrire una nuova casa ed un lavoro in un mondo per loro totalmente sconosciuto é un compito lungo e gravoso. La nostra associazione contribuisce finanziariamente al sostegno di alcuni progetti: 

Old Aged Home Swayambunath nel Nepal: il centro accoglie degli anziani tibetani assistiti dall’associazione Donne tibetane di Kathmandu 

Il progetto scuola tibetana Tsechen Tharpaling Institute/Great Compassion Boarding School a Lo-Manthang, Mustang e Pokhara in Nepal: un sostegno alla scolarizzazione dei bambini tibetani del Mustang tramite numerosi padrinati e il sostegno finanziario diretto. 

Il progetto Manjushri Di-Chen Buddhist Learning Center, per giovani monaci, a Pharbing, Kathmandu/Nepal, con alcuni padrinati e donazioni per richieste di finanziamento mirate. 

Il Vista Project, Sershul (4000 m/s.m.), , aiuto alla popolazione tibetana nomade Dzachuka’s della regione Kham/Tibet. Donazioni per finanziamento di progetti mirati. 

Il Tibetan Childrens Villages, Dharamsala , H.P., India, con alcuni padrinati e donazioni per richieste di finanziamento mirate. 




Documentazioni e informazioni dettagliate ed aggiornate dei progetti sostenuti sono a disposizione alla sede della nostra associazione e possono essere sempre richieste 

Il documentario “dalla Croce al Mandala”, nel ciclo del Filo d’Oro,TSI 2007, di Werner Weick è disponibile su comanda, nella versione originale italiana oppure tradotto in inglese “The Cross and the Mandala” dalla TSI, Televisione svizzera, CH-6903 Lugano, www.rtsi.ch/shop, mail:homevideo@rtsi.ch


Tibet Attualità

Redazione del bollettino informativo in lingua italiana, pubblicazione quadrimestrale

Indirizzo

Associazione Ticino-Tibet (ATT) Casella postale 819 CH-6602 Muralto

Conto postale

CCP 65-89597-4

 

Conto bancario

UBS SA CH-6901 Lugano Conto No 246-349337.M1M

Internet

www.ticino-tibet.ch Accesso diretto alla nostra pagina internet per tutti i nostri membri e simpatizzanti

Condividi